martedì 1 dicembre 2015

IL MIO ALBERO DI NATALE CON LE PALLE DI NATALE AL DECOUPAGE

Ciao oggi ho fatto l'albero di Natale, come ogni anno.

come potete vedere ho messo alcune palle di natale fatte da me al decoupage con angioletti e presepini spero vi piaccia ciao 


BUONE FESTE!








ECCO LA LEGGENDA DEL NATALE 




C'era una volta, in un paese tra i monti, un vecchio mercante.
L'uomo viveva solo, non si era mai sposato e non aveva amici.
Il vecchio mercante si girava e rigirava, senza poter prendere sonno.
Uscì di casa e vide gente che andava da tutte le parti verso lo stesso luogo.
Qualche mano si tese verso di lui. Qualche voce si levò:
- Fratello, - gli gridarono - non vieni? Fratello, a lui fratello?
Lui non aveva fratelli.
Era un mercante e per lui non c'erano che clienti a cui vendeva  e fornitori da cui comprava.
Per tutta la vita era stato avido e avaro e non gli importava chi fossero i suoi clienti e che cosa facessero.
 Ma dove andavano?
Si mosse un po' curioso. Si unì a un gruppo di vecchi e di fanciulli.
Fratello! Oh, certo, sarebbe stato anche bello avere tanti fratelli!
Ma il suo cuore gli sussurrava che non poteva essere loro fratello.
Quante volte li aveva ingannati? Piangeva miseria per vender più caro.
E speculava sul bisogno dei poveri. E mai la sua mano si apriva per donare.
No, lui non poteva essere fratello di quella povera gente che aveva sempre sfruttata, ingannata, tradita.
Eppure tutti gli camminavano a fianco.
Ed era giunto, con loro, davanti alla Grotta di Betlemme. Ora li vedeva entrare e
nessuno era a mani vuote, anche i poveri avevano qualcosa.
 E lui non aveva niente, lui che era ricco.
Arrivò alla grotta insieme con gli altri; s'inginocchio insieme agli altri.
 - Signore, - esclamò - ho trattato male i miei fratelli. Perdonami.
E cominciò a piangere. Appoggiato a un albero, davanti alla grotta,
 il mercante continuò a piangere, e il suo cuore cambiò.
Alla prima luce dell'alba quelle lacrime splendettero come perle,
 in mezzo a due foglioline.
Era nato il vischio.



LA LEGGENDA DELLE PALLE DI NATALE 



Un artista di strada molto povero si trovava a Betlemme nei giorni
 seguenti alla nascita del Bambino Gesù.
Voleva andare a salutarlo ma non aveva nemmeno un dono da portargli.
Dopo qualche esitazione decise di recarsi comunque alla grotta e di andarlo a trovare.
Gli venne in mente un'idea: fece quello che gli riusciva meglio,
il giocoliere, e fece ridere il piccolo bambino.
Da quel giorno per ricordarci delle risate di Gesù Bambino
 si appendono delle palline colorate all'albero di Natale.










2 commenti:

  1. Ciao Laura bel post Natalizio che ci introduce nell'atmosfera giusta <3
    Bello il tuo albero di Natale - e carinissime le due strielle leggende sul Natale e sulla fratellanza
    Un saluto caro laura Buon Mese di Dicembre e migliori Festività natalizie a te ed a tuttta la tua famiglia
    Buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arwen si le ho trovate sul web le leggende e l albero ogni anno mi do da fare per farlo bello grazie ciao laura buone festività anche a te baci

      Elimina

♥´¨)
¸.•´ ¸.•*´¨)¸.•*¨) Ciao sono felice di leggere i vostri commenti, sarò lieta di
(¸.•´ (¸.•`♥ rispondere a tutti appena mi sarà possibile grazie della visita baci a presto Laura! ♥